La scuola senza confini geografici e culturali: promuove questo il progetto Erasmus+ portato avanti ogni anno dall’ITET “Rapisardi – Da Vinci “di Caltanissetta.

Dopo essere stati ospitati dalle scuole estere adesso, per l’istituto nisseno, è il momento di “accogliere” i partner dall’Europa 2000 Kozepiskola di Budapest (Ungheria), dall’IES Valle de Aller di Valle de Aller (Spagna), e dal Vilniaus r. Avizieniu gimnazija Avižieniai di Vilnius (Lituania).

erasmus 2022 via turati“Il progetto Erasmus+ “E-nvironclusion” ha come obiettivo principale lo sviluppo di abilità sociali, civiche, interculturali, linguistiche, critiche e digitali” ha spiegato la dirigente scolastica Santa Iacuzzo.

Molteplici le tematiche affrontate dal progetto: Inclusione sociale, diversità e soluzione di conflitti, disparità di genere e discriminazione, immigrazione e integrazione, tutela dell’ambiente e del patrimonio culturale europeo.

“Durante la mobilità in Italia (25-29 aprile) i nostri ragazzi unitamente agli ospiti europei rifletteranno soprattutto sulla disparità di genere e sull’immigrazione/integrazione” ha commentato la referente del progetto Anna Maria Cassiba.

Molteplici le attività inserite nel ricco programma organizzato dall’‘ITET “Rapisardi da Vinci” per l’occasione: presentazioni e report tematici, concorso fotografico, dibattiti e conferenze in lingua inglese, visite culturali e scambio di buone pratiche.

Le attività inizieranno il 27 aprile con lo sport, veicolo privilegiato per la promozione dei valori dell’inclusione e della coesistenza pacifica tra i popoli.

Il torneo “Play4Peace” vedrà coinvolti in giochi quali il badminton e il ping pong, studenti di varia nazionalità suddivisi in squadre internazionali. La mattinata si concluderà con un’attività di chalk drawing negli spazi esterni del nostro Istituto. Il prodotto finale, un collage di parole e motti a sostegno della pace verrà ripreso dall’alto grazie all’ausilio di un drone.

Guarda l’intervista nella quale docenti e studenti italiani e spagnoli raccontano l’emozione di questa esperienza

da ilfattonisseno.it

0
0
0
s2sdefault

WhatsApp Image 2022 03 28 at 11.54.37La classe V A SIA, durante l’a.s. 2021/2022, ha avuto il piacere di collaborare con la Banca d’Italia (sede di Catania), seguiti da due tutor aziendali, Dott. Sergio Schembri e Antonino Raunisi e un tutor scolastico la Prof.ssa Laura Giammusso. Durante il percorso di PCTO gli alunni si sono impegnati nello sviluppo di Finanzia Mente, un’app progettata per gli studenti e tutte le persone che vogliono apprendere i concetti base di educazione finanziaria. I ragazzi sono stati suddivisi in tre gruppi, ognuno dei quali ha contribuito a realizzare i singoli aspetti dell’app: Design, Raccolta Dati e Implementazione.
Cliccare sul seguente link per scaricare l’app

0
0
0
s2sdefault

ERASMUS+ "Code of Youth: Shield of Human Rights"! Our amazing mobility to Belgium talking about Human Rights !!

erasmus at 12.47.12

0
0
0
s2sdefault

WhatsAppImage20220217at11.37.03Lo scorso 27 Gennaio ha avuto luogo a Caltanissetta un’importante iniziativa, volta a tenere sempre acceso il ricordo delle vittime dell’Olocausto, che vennero uccise a seguito delle misure di persecuzione razziale e politica, messe in atto dal regime nazista (1933-1945).
L’evento, organizzato grazie al grande lavoro portato avanti dal Museo Diocesano “Mons. Giovanni Speciale” e il Lions Club di Caltanissetta, in collaborazione con il Comune e la Soprintendenza, ha visto partecipi attivamente gli alunni dell’indirizzo Turismo dell’ITET RAPISARDI-DA VINCI, già precedentemente sensibilizzati dai docenti di storia e in particolare, per la nostra classe, dalla professoressa Pera Maria Paola. L’incontro è avvenuto nei pressi di Corso Umberto I, dove sono state collocate le prime tre pietre d’inciampo, in memoria dei deportati Giuseppe Costa, Alfonso Graci e Michele Tarantino, classificati come oppositori politici. Oltre alle autorità ecclesiastiche, civili e militari, a commemorare le vittime della Shoah, era presente anche la nipote di Giuseppe Costa, la quale ha raccontato la triste storia dello zio e anche qualche aneddoto della sua vita, ricordandone, con il sorriso sulle labbra, il matrimonio con Calogera Siragusa.
L’attività è proseguita in Corso Vittorio Emanuele, in prossimità della scalinata di via Palestro, dove sono state collocate ulteriori pietre d’inciampo, in memoria di Lucio Lacagnina, Lucio Pernaci e Carmelo Rizzo, anch’essi oppositori politici.
Le pietre d’inciampo sono un’iniziativa dell’artista tedesco Gunter Demnig per depositare, nel selciato stradale delle città, davanti alle abitazioni delle vittime, dei blocchi in pietra ricoperti da una piastra di ottone dorata che rappresentano una memoria diffusa dei cittadini deportati nei campi di sterminio nazisti.
L’incontro si è concluso con l’intitolazione della via Piazza Armerina Giuseppina Panzica, decorata di Medaglia d’Oro al merito civile per il coraggio dimostrato nella Seconda Guerra Mondiale, nell’ attività di espatrio dei cittadini di religione ebraica verso la Svizzera.
“L’Olocausto è una pagina del libro dell’Umanità da cui non dovremo mai togliere il segnalibro della memoria.” (Primo Levi)

La classe V A TUR

0
0
0
s2sdefault
Vai all'inizio della pagina